Parrocchia Sant'Antonio di ALBEROBELLO
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Formulare gli  auguri, quando tanti ambiti della vita sociale vanno a scatafascio, non è facile.

C’è il rischio di non essere credibili, di dare solo parole di consolazione vuote di quel contenuto di speranza che vorremmo sentirci trasmettere da un augurio che sia tale. L’augurio di Natale è un augurio legato alla fede, se non è cresciuta la nostra fede in Dio che si fa bambino, il mio augurio risuona vuoto; rischio di dire solo parole, ma il pezzo forte che può dar senso a quelle parole non  c’è.

Questo perché, Lui solo è capace di consolare realmente qualsiasi persona. E’ Lui il solo in grado di dare quella speranza che, noi spesso smarriamo perché sopraffatti da mille negatività della vita.  Dobbiamo rivolgerci a lui, sentire la sua presenza nella nostra esistenza accorgerci che ci è vicino  e continua a venire proprio quando ci sembra tanto lontano.

La consolazione che lui viene a portarci oggi è nascosta in modo speciale nel pane eucaristico. Il mio augurio vuol essere che ogni cristiano –  che si ritiene tale – possa ritornare a nutrirsi con frequenza di lui nella comunione. Nessuno si consideri indegno; se lo è,  ha gli strumenti per tornare in grazie e poter mangiare.

Si è fatto uomo per farsi pane, questo vorrei ricordare, per saziare la nostra fame di senso, il nostro vuoto. Perché non sia un Natale superficiale l’uomo deve mangiarlo, gustarlo e sentirsi pervadere dalla divinità che è venuto a portare a ciascuno. Quel pane a  me da forza; è solo quel pane che può farmi come Dio. Che sia realmente, un Natale di pane per tutti.           

don Beppe

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: