Parrocchia Sant'Antonio di ALBEROBELLO
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

1 Gennaio 2010

GIORNATA DELLA PACE

Per questa Giornata Mondiale della Pace ho scelto il tema: Se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato.               
Il rispetto del creato e la sua salvaguardia diventano oggi essenziali per la pacifica convivenza sulla terra.

Se a causa della crudeltà dell’uomo sull’uomo, sono numerose le minacce che incombono sulla pace non meno preoccupanti sono le minacce originate dalla noncuranza e dall’abuso nei confronti della terra e dei beni naturali che Dio ha elargito.

Lo sviluppo umano è strettamente collegato ai doveri derivanti dal rapporto dell’uomo con l’ambiente naturale, considerato come un dono di Dio a tutti, il cui uso comporta una comune responsabilità verso l’umanità intera, specie verso i poveri e le generazioni future. Se la natura e, in primo luogo, l’essere umano vengono considerati semplicemente frutto del caso o del determinismo evolutivo, rischia di attenuarsi nelle coscienze la consapevolezza della responsabilità. Ritenere, invece, il creato come dono di Dio ci aiuta a comprendere la vocazione e il valore dell’uomo.

Come rimanere indifferenti di fronte ai problemi che derivano da fenomeni quali i cambiamenti climatici, desertificazione, degrado, perdita di produttività di vaste aree agricole, inquinamento dei fiumi e delle falde acquifere, perdita della biodiversità, aumento di eventi naturali estremi, disboscamento delle aree equatoriali e tropicali? Come trascurare il crescente fenomeno delle persone che, a causa del degrado dell’ambiente in cui vivono, lo devono lasciare per affrontare i pericoli e le incognite di uno spostamento forzato? Come non reagire di fronte ai conflitti legati all’accesso alle risorse naturali?...

Papa BENEDETTO XVI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: