Parrocchia Sant'Antonio di ALBEROBELLO
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Cos’è il carcere - La risposta di un detenutoCos’è il carcere

La risposta di un detenuto

"Cos'è il carcere? Credo che per la stragrande maggioranza delle persone sia solo un posto dove rinchiudere i delinquenti, persone che la società ha formato e ora ripudia lavandosene le mani.

Il carcere è del resto lo squallore della società in cui viviamo, il marcio che nessuno vorrebbe mai vedere ma che esiste (...). La vita è stupenda, ma può rivelarsi la tua peggiore nemica, un'avversaria temibile che fa paura.

La vita non bussa, lei prende e toglie quando vuole, senza preavviso. Questo chi è detenuto lo sa benissimo e lo riconosce meglio di chiunque altro. Dietro le fredde sbarre non ci sono solo delinquenti incalliti (e forse anche quelli hanno un loro percorso), ma c'è soprattutto la più ampia selezione di quelle persone troppo sensibili, gente che si è arresa alla vita, alla società che detta modelli e stili di vita da sogno.

Persone che piangono sofferenza loro e delle persone che lasciano fuori, il dolore provocato, la mancanza causata ai figli, per la vita buttata via. Sono sottoposti alla legge del detenuto, fatta solo di obblighi e orari, senza umanità, senza rispetto, con la dignità calpestata da coloro che sorvegliano il carcere, senza più diritti, anche i più semplici, come se non fossero più uomini, messi al patibolo per la difficoltà di vivere, e nessuno si preoccupa di farti vedere come si conduce una vita in maniera pulita.Vieni istigato alla rabbia, all'odio.

E queste cose si accrescono quando ti ritrovi fuori escluso dalla società, dal mondo del lavoro, dalla vita. Quello che ti resta per vivere è tornare a delinquere, per dar da mangiare alla famiglia, per far vedere che esisti come uomo. Ma gli sforzi sono vani. Nessuno coglie il messaggio di aiuto, e ciò che ti aspetta sono solo le fredde mura del carcere.

Così finisci col pensare che l'unica vita che puoi fare è quella, inaridisci il tuo animo, pietrifichi il cuore sapendo che quelle squallide mura e le fredde sbarre saranno le tue compagne. E stai male, perché non è quello che vorresti."

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo accetti qualunque suo elemento ed acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione: